Riflessioni su Cercando Alaska (non consigliato a chi non ha ancora letto il libro…)

Mi piacciono i libri che danno un motivo per riflettere, che ti toccano il cuore e che diventano, in un modo o nell’altro, parte di te.
Cercando Alaska rientra nella rosa di quelli, che negli ultimi anni, mi hanno toccato davvero.
Un buon libro deve smuoverti, deve colpirti. E questo lo ha fatto.
Non sono brava a scrivere recensioni, quindi questa non ne sarà una, ma solo una semplice riflessione fatta a modo mio e ripeto, se non avete letto il libro -cosa che io consiglio di fare- non andate avanti nella lettura.

Ho adorato fin dal principio la figura di Alaska.
È una ragazza dalle mille sfaccettature che non si riesce ad inquadrare mai alla perfezione. La sua stessa descrizione manca di qualcosa tant’è che io, da lettrice, non sapendomela immaginare ho pescato, inconsapevolmente, dalla mente la protagonista di un telefilm e le ho dato il nome Alaska. Me ne sono accorta dopo. Rivedendo quel personaggio mi sono chiesta “Ma dov’è che l’ho vista ultimamente?” e mi sono risposta “Ah sì, lei è la mia Alaska!”, ovviamente diversa nell’aspetto fisico, dalla poca descrizione che ne fa l’autore. Ma questo, quando consideriamo Alaska, non ha importanza.
A mio parere, diventa la protagonista indiscussa del libro, colei che guida le vicende di tutti gli altri personaggi, anche di Miles (Ciccio per gli amici), il personaggio principale, andato alla Culver Creek per cercare/trovare il suo Grande Forse, e che si ritrova poi a Cercare Alaska, forse il suo Grande Forse.
Alaska e la sua personalità semi nascosta che esce solo a tratti, solo quando lei vuole, con le parole che sceglie, con le sue mezze verità e con i suoi silenzi. Nessuna la conosce a fondo ed è proprio questo ciò che mette in crisi il gruppo, quando lei va via. Ci sono le mille domande, i mille dubbi, i continui sensi di colpa. Quel che è successo è stato solo per via del caso, della sfortuna, del destino? O la sua è stata una decisione consapevole?
Dritto e Veloce
È così che Alaska va via, dritta e veloce, così com’è entrata nella vita di Ciccio e come ha vissuto, al fianco dei suoi amici. Senza mezzi termini, sempre veloce o al contrario totalmente chiusa in se stessa, quando decideva di non rispondere alle domande che iniziavano per “Come, Quando, Dove, Cosa e Perché”
O sta bene o sta male Alaska, o è dolce e sorridente o una perfetta acida. Cerca solo di uscire dal suo Labirinto di Tristezza in cui è stata imprigionata il giorno più brutto della sua vita e quando sembra che tutto sia perduto, lei va via, lasciando il resto del gruppo.
“Come farò ad uscire da questo labirinto?” Questa è una delle frasi, presa in prestito da Simòn Bolìvar, con cui si presenta Alaska e che sarà riproposta in diversi momenti all’interno del libro.

Il romanzo ha un prima e un dopo -di cui ho parlato anch’io, prima di leggere questo libro, forse è anche per questo che lo trovo molto vicino al mio spirito-.
Il prima e il dopo di un evento pilastro che cambia le vite di ognuno di noi o per lo meno di chi vive quell’evento. Nel romanzo è Alaska, in primis, a pagarne le conseguenze. Lei che vive nel prima, in prima persona e nel dopo, quando i suoi amici continuano a cercarla. Poi ci sono le vite degli altri, di chi rimane. Il prima, quando la vita è scandita dallo studio, dalle lezioni, dalle bevute, dal fumare insieme e dalle bravate, il dopo, quando tutto si incentra nel ricordo della ragazza, in quella vana speranza di capirla un po’ di più ora che è troppo tardi, nella ricerca di lei nel ripercorrere i giorni trascorsi insieme, nella continua corsa mentale per tenerla stretta a sé, nelle interminabili domande e nei sensi di colpa “Se non le avessimo permesso di…” “Se l’avessimo fermata…”
Ma con i se e con i ma non si va da nessuna parte, non si cambia il mondo, non si cambia il passato. La realtà diventa evidente. Si devono aprire gli occhi e si deve fare i conti con quello che si ha di fronte. È questo quello che devono accettare Ciccio, il Colonnello, Takumi e Lara. È questo ciò che tutti devono accettare. Alaska è andata via nel buio di quella notte, senza fermarsi, senza voltarsi indietro. La continueranno a cercare per tutta la vita forse -o chissà un giorno smetteranno- nei ricordi che si fanno via via più lievi e nel dolore che, di volta in volta, viene condiviso ma non del tutto accettato.

Ciccio scrive che Alaska era più della somma delle sue parti. Sono d’accordo, ognuno di noi lo è. Lo scritto finale di Miles è ciò che fa più riflettere. “C’è dell’altro” scrive “Qualcosa di completamente altro. Una parte di lei più grande della somma delle parti di lei che conosciamo. E quella parte deve essere in qualche posto perché non si può distruggere.”
Credo non ci sia molto da aggiungere dopo questa frase se non la condivisione delle ultime righe del romanzo che riportano le ultime parole di Edison “Com’è bello laggiù.” e la frase di Miles “Non so dove sia quel laggiù, ma io credo che da qualche parte esista e spero sia bello.”
Perché a volte abbiamo solo bisogno di crederci.

Cercando Alaska è un libro che rimane nel cuore, in cui ognuno di noi, se ha provato in minima parte ciò che hanno provato Ciccio, il Colonnello, Takumi e anche Lara nel suo piccolo, si può riconoscere e grazie al quale ognuno di noi si può ritrovare nella ricerca di chi non c’è più.

Una sassolina

Advertisements

4 thoughts on “Riflessioni su Cercando Alaska (non consigliato a chi non ha ancora letto il libro…)”

  1. Sono un gran divoratore di libri ed ultimamente quelli che leggo li recensisco anche sul mio sito; ti ringrazio per il suggerimento, penso che questo libro sarà una delle mie prossime letture.
    Un saluto

    Liked by 2 people

  2. Ieri sera ho finito il libro, come tutti i bei libri che ho letto, appena è finita la storia mi sono messo a leggere ogni commento, ogni singola frase sulla copertina, anche se non centrava con la trama del libro nella speranza di trovare ancora qualcosa su Alaska e tutto ciò che la riguardava.
    La verità è che anche se sembra stupido è che credo di essermi innamorato di Alaska. Mi succede spesso nei libri di innamorarmi dei personaggi. E tutte le volte che il libro finisce mi sento un vuoto amaro dentro di me, ho bisogno sempre di parlare con qualcuno, come quando hai bisogno di parlare con il tuo miglore amico dopo esserti lasciato con la tua ragazza. La stessa cosa con Cercando Alaska, il problema è che non ho nessuno con cui parlare, allora ho deciso di scrivere questo commento qui sotto. Appena sono arrivato alla parte in cui viene detto della tragedia di Alaska, fino alla fine del libro ho sperato che da un momento all’altro apparissse, è che tutto fosse una messa in scena; la verità è che non volevo accettare che una persona per me così importante ( ebbene sì la consideravo importante perché tutt’e le volete che appariva in scena mi piaceva sentire la sua presenza, era come se tutto fosse in bianco e nero e lei fosse quella che rendeva le immagini a colori ) sparisse nel nulla.
    Un libro veramente bello, che va letto tutto d’un fiato se si vuole immedesimare nella storia del libro e sentire le vere emozione che l’autore vuole tramandare al lettore
    Un libro consigliato a chi vuole soffrire di amore e amicizia perduta.
    P.S
    Bianca come il latte e rossa come il sangue, La solitudine dei numeri primi, sono due libri molto simili a Cercando Alaska e altrettanto belli.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s